lunedì 6 luglio 2009

Il mio viaggio



se non riesci ad uscire dal Tunnel...

arredalo!!
__________
<>
Uscii sul mio carro ai primi albori del giorno, e proseguii il mio viaggio,
attraverso i deserti del mondo lasciai la mia traccia su molte stelle e pianeti.
Sono le vie più remote che portano più vicino a te stesso;
è con lo studio più arduo che si ottiene la semplicità d'una melodia.
Il viandante deve bussare a molte porte straniere per arrivare alla sua,
e bisogna viaggiare per tutti i mondi esteriori
per giungere, infine, al sacrario più segreto all'interno del cuore.
I miei occhi vagarono lontano prima che li chiudessi dicendo: "Eccoti!"
Il grido e la domanda: "Dove?"
si sciolgono nelle lacrime di mille fiumi e inondano il mondo con la certezza: " lo sono! "
Rabindranath Tagore


27 commenti:

  1. Credo proprio che lo arrederò ..mettero un po di fiori.. un comodino per lasciare i ricodi e qualche foto sbiadita...

    RispondiElimina
  2. lunghissimo questo tunnel!!! a vlte si resta una vita in un tunnel.... a volte si preferisce uscirne periodicamente per fare altro ... ;-)

    buon martedì

    ^_________^

    RispondiElimina
  3. Cara Ines,
    ho paura che il guaio sia proprio che l'abbiamo talmente ben arredato questo tunnel che abbiamo finito col dimenticarci che c'è anche un fuori...
    Ti auguro che sia un giorno fuori...
    Enrica

    RispondiElimina
  4. @UIFPW0: mio caro, il senso è questo.. a volte ci intrappoliamo da soli, difficile uscirne perché cerchiamo al di là del nostro sguardo, potessimo fermarci, rilassarci.. un attimo solamente.. un grande abbraccio

    @pupottina: è vero a volte ci si resta una vita intera, per comodità, per pigrizia.. perché cambiare lo stato delle cose, a volte, è difficile.. grazie per essere passata a trovarmi

    @enrica: cara Enrica, lasci sempre una traccia di speranza e questo è davvero liberatorio.. hai ragione, troppe volte è comodo restare dentro.. proveremo ad uscire!! che sia anche per te "un giorno fuori.." un abbraccio

    RispondiElimina
  5. Ciao cara amica....
    Il mio tunnell è ben arredato da anni....c'è un divano fantastico...dove passo il tempo interminabile arrotolando ciuffi di capelli nell'attesa che mi venga un idea geniale su come uscire da questo luogo-non-luogo...
    Ma....ormai mi son rimasti ben pochi ciuffi di capelli da arrotolare....
    Però non ho mai perso la speranza...forse ci dovremmo sforzare di più? Dovremmo volerla davvero questa uscita?
    Noi vogliamo uscire?
    O ci piace stare qui dentro?
    hmhmhmhmhmmhmh
    Riparto con il mio solito modo di pensare...ed il tunnell diventa stretto...
    Un bacione,mia cara.

    RispondiElimina
  6. @darksecretinside: mia cara, visto che il tuo tunnel, a quanto pare, è ben più arredato del mio.. passerò a trovarti, porterò un po' di musica o un film.. porterò gli argomenti di discussione più interessanti, magari del buon vino..e se proprio dovessimo annoiarci, potremmo arrotolare quello che resta dei nostri ciuffi di capelli.. vedrai insieme è più facile e quel tunnel nn sarà poi tanto stretto.. un bacio

    RispondiElimina
  7. ^______________^ c'è un posto a tavola anche per te .... siamo gi felici di vedere il tuo salice salentino ;-)

    RispondiElimina
  8. Cara Ines,
    Ti ho risposto sotto al mio post ed ora sono qui a contraccambiare con immenso piacere la tua graditissima visita.
    Tagore è sempre magnifico.....
    Questo tuo post è molto bello e mi ha fatto ricordare una canzone di Caparezza che dice più o meno così:
    "Quando esco dal tunnel e mi annoio sono molto più contento... "Gli incontri, gli scontri, lo scambio di opinioni, persone che son fatte di nomi e di cognomi, venghino signori, che qui c'è il vino buono, le pagine del libro e le melodie del suono, si vive di ricordi, signori, e di giochi, di abbracci sinceri, di baci e di fuochi, di tutti i momenti, tristi e divertenti, e non di momenti tristemente divertenti."
    e infine.... dentro al tunnel siamo silenzio che fuori può diventare musica!

    un abbraccio e a presto

    RispondiElimina
  9. Già fatto cara!^___^
    Ora sto cercando di aprire una luce...non pretendo una finestra!!Basta una lucetta come quella che aveva Silvio Pellico nelle sue prigioni ;)

    RispondiElimina
  10. @pupottina: sarò felice di gradire con voi questa splendida tavola!!

    @pasticcino: grazie per il tuo bellissimo commento.. assaporo con gusto ogni singola parola! un abbraccio anche a te.
    p.s. sarà un piacere condividere con te e tutti i miei amici le stesse emozioni che hai provato, nel mio prossimo viaggio..

    RispondiElimina
  11. Hai lasciato la tua "fotina" fra i sostenitori
    del mio blog ed hai inserito il nome dello stesso mio blog tra quelli che segui. Alla maniera antica, data la mia età, ne sono onorato. Mi permetto di fare altrettanto.
    Abbiamo dei blogger amici in comune e questo mi fa molto piacere. Spero di essere in grado di commentare in maniera adeguata i tuoi post.
    Non mi va di arredare il tunnel, preferisco uscirne se ci riesco.

    RispondiElimina
  12. @guernica: arriva la luce, arriva..stanne certa mia cara!! un abbraccio

    @il monticiano. l'onore è tutto mio! sarà un privilegio seguirti.. se trovi una via di fuga, insegnala anche a noi. a presto

    RispondiElimina
  13. Le donne hanno un'abilità innata ad abbellire i loro incubi, ci si affezionano come fossero creaturine innocenti. Ma da una parte riconoscerli ed invitarli a tavola è un modo per elaborarli e nutrirli fino al loro esaurimento. Bacio, Ines.

    RispondiElimina
  14. @antonella: sì condivido, siamo fatte così noi.. un giorno ti svegli e quell'incubo non esiste più, s'è stancato di essere assecondato.. un bacio mia cara!

    RispondiElimina
  15. Elioooooooooooooooo... non ci posso credere... sono felicissima!!!

    RispondiElimina
  16. Ti commento con le parole di una canzone di Vinicio Capossela, sull'uscie dalla clandestinità in cui spesso ci costringiamo.
    "Come un uccello che ha provato ad esser libero e che muore appena fuori
    sono restato senza ali e senza te
    Qualcuno mi protegga da quello che desidero
    o almeno mi liberi da quello che vorrei
    Dall’obbedienza e dal timore e dalla viltà
    guadagnar la libertà dalla clandestinità"
    Un abbraccio, Max

    RispondiElimina
  17. @max: adoro Capossela, sono lusingata per queste meravigliose parole che non smetterò di leggere e rileggere.. Grazie, ti abbraccio

    RispondiElimina
  18. io sono io
    non il mio corpo
    e nemmeno la mia mente
    e nemmeno la mia vita
    io sono io
    inesorabilmente

    RispondiElimina
  19. ..arredo, arredo ogni giorno ..
    Amo Tagore,per la grandezza che ripone nella semplicità , per la pacatezza con cui le sue parole , come un fiume in piena ,smuovono l'animo .

    un sorriso,ciao .

    Alessandra

    RispondiElimina
  20. @Lorenzo: ..inesorabilmente! ciao Lorenzo

    @Alessandra: a noi donne riesce benissimo arredare anche spazi impossibili ed angusti come un tunnel, appartine al nostro DNA.. è la nostra forza: rinnovare! Grazie per essere passata a trovarmi, un abbraccio

    RispondiElimina
  21. Io sono.Quello che sono.A dispetto e per amore di quella che sono.


    Un sorriso.Antonia.

    RispondiElimina
  22. Per ora ancora buio pesto, ma un gatto mi ha prestato i suoi occhi ;)

    Buon fine settimana!

    RispondiElimina
  23. ^_____________^

    buona giornata di sole

    RispondiElimina
  24. Alcuni tunnelhanno perforato il tuo cuore e ognittanto sei costretto a passarci e ripassarci per forza!

    RispondiElimina
  25. certo basta una tavola e due sedie?

    RispondiElimina
  26. @Antonia: è sempre colpa dell'amore!

    @guernica: adesso mi puoi trovare! un grande abbraccio

    @pupottina: grazie cara, e buon sole anche a te!

    @roberta: attraverso e riattraverso questo tunnel.. a volte, mi piace pure! un abbraccio!

    @giardigno: credo che basti.. ricordati anche un buon vino!

    RispondiElimina